Una delle domande più ricorrenti sulle pagine di Facebook dedicate agli italiani in Germania è: “sono in Italia senza lavoro e ho una famiglia da mantenere. Vorrei trasferirmi in Germania ma non parlo il tedesco e non ho nessuno che mi può aiutare. Come posso fare per trasferirmi in Germania?”

Se ti riconosci in questa situazione, allora continua a leggere. Ti spiegherò tutto quello che è necessario fare passo dopo passo.

 

1. La lingua

Probabilmente ora penserai: “parlo un po’ di inglese e poi con il tempo imparerò anche il tedesco” oppure “mio papà è arrivato in Germania senza sapere una parola di tedesco e ha trovato lavoro ugualmente. Anch’io voglio seguire il suo esempio. Pertanto imparerò il tedesco dai miei colleghi o dalla gente in strada.”

Tuttavia, oggi giorno, in una società sempre più multiculturale come quella tedesca, il conoscere la lingua è fondamentale. Nonostante in Germania manchino diverse figure professionali (soprattutto nel settore tecnico), la lingua tedesca è un requisito imprescindibile per trovare un lavoro regolare. Chi non conosce il tedesco può trovarsi preda di datori di lavoro (tedeschi o non) senza scrupoli disposti non solo a licenziarvi all’improvviso, ma anche a lasciarvi senza una casa dall’oggi al domani.

Per questo motivo ti consiglio di studiare fin da subito il tedesco. Nei prossimi articoli ti darò alcuni spunti sul come imparare la lingua tedesca pur non avendo molti soldi a disposizione.

Un’eccezione alla regola sono i lavori molto qualificati, soprattuto nel campo dell’informatica, dell’ingegneria, della medicina, dell’infermieristica o dei lavori artigianali. Essendoci poco personale locale in tali settori, i datori di lavoro sono più tolleranti per quanto riguarda una momentanea poca conoscenza della lingua tedesca. In ogni caso, anche se sei un informatico o un medico, sapere fin da subito qualche parola di tedesco ti aiuterà a integrarti meglio.

 

2. La città

Subito dopo la conoscenza della lingua, un’altro aspetto importante è la città del trasferimento. Infatti, soltanto se si determina con attenzione la città in cui si desidera trasferirsi è possibile integrarsi senza troppi problemi.

Per quanto riguarda la città, ti consiglio di tenere conto dei seguenti elementi:

  1. la propria capacità economica: anche se città come Monaco di Baviera o Colonia offrono molte opportunità a livello lavorativo, Monaco o Colonia sono conosciute in Germania per l’essere città in cui il costo della vita è molto caro. Pertanto, quindi, se ti trovi in un momento di poca disponibilità economica, ti sconsiglio di trasferiti in una delle città sopra citate.
  2. la situazione abitativa: oltre ad essere molto care, città come Monaco di Baviera o Colonia hanno una situazione abitativa disastrosa. Infatti, a causa della necessità sempre crescente di nuovi alloggi, è piuttosto difficile trovare degli affitti in tali città a prezzi ragionevoli. Una soluzione è quindi un’appartamento condiviso (in tedesco: WohngemeinschaftWG) oppure di cercare anche a 30-40 km di distanza dal centro cittadino.
  3. il proprio carattere: se da sempre abiti in una città o se hai bisogno di uscire e di poter conoscere gente nuova, il paesino di provincia, per quanto sia la situazione più economica, non è la soluzione giusta per te. In tal caso, ti consiglio di scegliere una città un po’ meno conosciuta (es. Münster) che, pur essendo più economica, ti permette di avere molte opportunità a livello lavorativo e personale.

 

3. La casa

Dopo aver determinato il luogo in cui volete trasferirvi, è importante occuparsi della casa.

A tal proposito puoi guardare sui vari portali online come https://www.airbnb.de o https://www.wg-gesucht.de. Nel caso in cui non riesci a trovare nulla di adeguato, puoi anche partire prenotando un residence per qualche mese o un’ostello per alcuni giorni per poi cercare un’altra sistemazione sul luogo.

In ogni caso ti sconsiglio vivamente di inviare soldi tramite metodi non convenzionali, come per esempio Western Union, e / o senza aver visto l’alloggio. In molti casi si tratta di una truffa ai danni delle persone che cercano disperatamente una casa.

 

4. L’anmeldung e l’AIRE

Finalmente hai imparato qualcosa di tedesco, hai trovato il luogo in cui trasferirti e l’alloggio in cui andare ad abitare. Ora ti trovi in Germania e non sai cosa devi fare a livello burocratico.

Innanzitutto congratulazioni per essere riuscito a superare i primi tre scogli. Ora rimane solo più un punto prima di iniziare a cercare un lavoro: la residenza.

A differenza dell’Italia, la Germania non prevede una distinzione tra residenza e domicilio. Occorre tuttavia che tu comunichi il tuo arrivo in Germania.

Entro 15 giorni dal tuo arrivo in Germania, se hai intenzione di rimanere per più di 3 mesi, devi andare all’anagrafe della tua città in Germania (Einwohnermeldeamt) e fare la registrazione (Anmeldung). A tal fine devi portare il contratto d’affitto o una conferma da parte del proprietario della casa e la tua carta d’identità. Gli impiegati compileranno per te un modulo in cui ci sarà segnato il tuo indirizzo in Germania e la religione di appartenenza (a differenza dell’Italia, in Germania se si appartiene ad una confessione religiosa si è obbligati a pagare una tassa sulla Chiesa) e ti daranno un certificato (Meldebescheinigung) in cui si conferma il tuo nuovo indirizzo in Germania. Se sei un cittadino extraeuropeo devi andare anche all’ufficio per gli stranieri (Ausländeramt) e richiedere il permesso di soggiorno.

Dopo aver fatto l’Anmeldung potrete iniziare a cercare un lavoro e iscriverti all’AIRE (Anagrafe degli Italiani residenti all’estero) presso il consolato italiano di competenza (vedi qui per l’elenco dei consolati https://ambberlino.esteri.it/ambasciata_berlino/it/ambasciata/la_rete_consolare/la%20rete%20consolare.html). Da quel momento in avanti risulterai residente in Germania e pagherai le tasse solo più in Germania.

ATTENZIONE! Dopo aver fatto l’iscrizione all’AIRE la tessera sanitaria perderà la sua validità. Pertanto dovrai stipulare un contratto con un’assicurazione sanitaria tedesca.